Morar 2004, sua eccellenza l'Amarone
Morar 2004, sua eccellenza l’Amarone

E’ sabato pomeriggio e la giornata è meravigliosa per andare alla ricerca di piccole perle enologiche. Ecco allora che partiamo all’insegna della Valpolicella (Vr) patria del tanto celebrato Amarone.
L’appuntamento è fissato per le ore 15:00 a Fumane dalla piccola produttrice Valentina Cubi. Ad accoglierci troviamo lei in persona che ci guida attraverso le sue cantine collocate in un antico casale ristrutturato da pochi anni. Gli ambienti sono piccoli ma molto accoglienti e curati. La produzione attuale della cantina è di 40.000 bottiglie, in commercio solo da pochi anni e delle quali solo il 10% rimane in Italia.
La degustazione inizia con  Iperico, un Valpolicella biologico prodotto da uve Corvina e Rondinella. Il gusto è leggero e fruttato, ottimo anche come rosso da bere in estate grazie ad un corpo molto aggraziato ed una gradazione attorno al 12% Vol. . A questo segue poi Iltabarro, Valpolicella Classico dell’annata 2010. Più struttura, più gradazione, più complessità ma a nostro avviso ancora giovane per essere degustato al massimo delle sue potenzialità. Passiamo poi a Arusnatico Valpolicella Classico Superiore Ripasso annata 2010. Il profumo qui diventa più inebriante, ammaliante… note di frutta rossa matura e confettura, liquirizia e spezia dolce; in bocca è vellutato e persistente. Sicuramente un ottimo prodotto da un perfetto rapporto qualità-prezzo. Ma la parte migliore a questo punto deve ancora arrivare: sua altezza l’Amarone Morar(che in dialetto locale indica il gelso). Abbiamo il piacere di degustare sia l’annata 2004 che l’annata 2003. Annate tra loro molto diverse ma allo stesso modo sublimi. L’annata 2004, che a nostro avviso ha davanti a se una vita ancora molto lunga, cattura immediatamente la nostra attenzione. Il naso è fine ed inteso e in bocca è ricco e vellutato, armonico ed equilibrato. Un sublime piacere che vale sicuramente i 35,00 € a cui viene commercializzato in cantina.

Valentina Cubi, che crede fortemente nella tipicità del prodotto e per questo utilizza per la produzione dei suoi vini solo uve provenienti dai vigneti di proprietà,  ha inoltre in progetto di aprire a breve anche cinque camere con servizio di B&B, è sempre aperta per visite e degustazioni ed è possibile acquistare tutti i prodotti direttamente in cantina.

Nel complesso possiamo dire che il pomeriggio si merita decisamente un 10!

PS: ad arricchire la degustazione è stata anche la conoscenza di Pier e Christal, una coppia di ragazzi canadesi che sembrava esattamente l’alter ego di me e mio marito. Insomma, questa volta Parole di Gusto è andato anche oltre oceano scoprendo come il vino possa essere la lingua comune di gran parte del mondo e senza dimenticare che in un calice di Ripasso della Valpolicella si possano sentire evidenti note di maple syrup 🙂

L’indirizzo:
Valentina Cubi
Località Casterna, 60
Fumane – Verona
http://www.valentinacubi.it

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *