Il biancomangiare è uno di quei dolci la cui storia si perde nella notte dei tempi. Sono tante le leggende che si raccontano sulla sua origine, ciò che è certo è che sembra essere nato dall’unione di due culture: quella araba da una parte e francese dall’altra. Il biancomangiare è diffuso soprattutto in Valle d’Aosta, in Sardegna e in Sicilia, in particolare tra Modica e Ragusa. Ed è proprio dalla tradizione siciliana che prende spunto la mia interpretazione, arricchita da una polvere di Campanelle al cacao Sapori e una croccante guarnizione di caramello.

Dovete sapere che un tempo questo dolce era molto diffuso soprattutto durante il periodo pasquale in quanto, grazie al suo candore, rappresentava la purificazione dell’anima durante il periodo quaresimale… Direi che i nostri antichi avevano trovato una scusa per niente male per gustarsi questa prelibatezza!

La versione siciliana prevede l’utilizzo del latte di mandorla conferendo così al dolce ancora più leggerezza ed un elegante retrogusto ammandorlato; e ad un dolce al cucchiaio sapete che amo sempre abbinare anche una parte croccante. Ho trovato semplicemente perfetto l’abbinamento con le Campanelle al cacao di Sapori. Anzitutto ricorre il tema della mandorla, essendo l’impasto ottenuto per oltre il 40% da mandorle macinate a pietra, la nota di cacao completa infine il gusto leggero dato dall’unione del limone e della cannella racchiusi nel biancomangiare. La cosa bella è che anche se non utilizzate tutte le Campanelle della confezione non dovete preoccuparvi di come mantenere la freschezza del prodotto perché sono tutte confezionate singolarmente. Il problema semmai è opposto, come resistere e non mangiarle tutte?!

Ecco le dosi per 4 porzioni:

Per il biancomangiare:

1 lt di latte di mandorle

160 gr di zucchero

40 gr di miele

100 gr di maizena (o amido di mais)

la scorza grattugiata di un limone

cannella in polvere

Per guarnire:

2 Campanelle al cacao Sapori

70 gr di zucchero

4 cucchiai di acqua

Versate in una ciotola due bicchieri di latte e tenete da parte. Versate il latte restante in un pentolino con la scorza di limone finemente grattugiata e una punta di cannella in polvere, lo zucchero ed il miele. Riscaldate a fiamma bassa senza raggiungere il bollore. Nel frattempo sciogliete la maizena nella ciotola con il latte facendo attenzione ad eliminare tutti i grumi. Quando il resto del latte si sarà scaldato aggiungete a filo e tenendo mescolato con una frusta il latte con la maizena, lasciate sul fuoco continuando a mescolato sino a quando il latte comincerà ad addensare diventando una crema. Togliete immediatamente il biancomangiare dal fuoco e versatelo in ciotole monoporzione (per un tocco ancora più raffinato ho usato dei calici per vino rosso). Lasciate raffreddare il dolce prima a temperatura ambiente, poi coprite con pellicola trasparente e lasciate riposare in frigorifero per un paio d’ore.

Nel frattempo preparate il croccante di caramello: in un pentolino mettete due cucchiai d’acqua e lo zucchero. Senza mescolare ponete sul fuoco a fiamma bassa e attendete che lo zucchero cominci ad imbrunirsi. Aggiungete gli altri due cucchiai d’acqua che avrete riscaldato a parte, mescolate velocemente e lasciate ancora sul fuoco sino a quando non avrete ottenuto un perfetto caramello. Togliete dal fuoco e su un piano rivestito da carta forno divertitevi a disegnare le guarnizioni che più preferite (per un risultato migliore versate direttamente il caramello dal pentolino sulla carta forno).

Togliete il biancomangiare dal frigorifero prima di servire, spolverizzate ogni porzione con mezza Campanella al cacao e una decorazione di caramello. Vedrete che figurone con i vostri ospiti.

biancomangiare siena1

biancomangiare siena2

biancomangiare 3

biancomangiare 2

biancomangiare 4

7 Comments on Biancomangiare con polvere di Campanelle al cacao Sapori e croccante di caramello

  1. Parole di Gusto
    24 Marzo 2015 at 21:14 (4 anni ago)

    Grazie Silvia! Una ricetta semplicissima che ha dato grandi risultati 😉

    Rispondi
  2. Sonja
    27 Marzo 2015 at 16:54 (4 anni ago)

    Proverò a farlo.. l’ultima volta è stato un disastro ma forse ho capito il perchè.. incrocia le dita per me: biancomangiare sarai mio!!

    Rispondi
    • Parole di Gusto
      27 Marzo 2015 at 18:51 (4 anni ago)

      Con questa ricetta il risultato è assicurato 😉 p.s. le mie dita sono già incrociate

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *